Consulenza professionale, studi specialistici

Come aprire un’agenzia investigativa


L’attività dell’agente investigativo richiede una ragguardevole e spiccata pazienza ed anche la disponibilità a passare buona parte della giornata lavorativa all’esterno, anche se con l’avvento di sempre nuove tecnologie, la permanenza in ufficio è aumentata di molto. Oltre alla pazienza, i requisiti fondamentali per svolgere questa professione sono la precisione, la puntualità, la discrezione, la serietà, assieme ad un carattere curioso, una predisposizione al ragionamento analitico, alla meticolosità e al rispetto per le procedure e ad una buona memoria anche visiva. La professione di investigatore privato non è ancora regolamentata dall’esistenza di alcun albo professionale, come avviene nel caso di ingegneri, architetti, medici, ecc.

 

Questo significa che non è indispensabile sostenere nessun esame di idoneità per diventare di ruolo e che non ci sono titoli di studio ad hoc e speciali in grado di assicurare la preparazione basilare. La cosa però non vuol dire che un detective non debba avere anche una ottima preparazione culturale di base. Anzi occorrerà scegliere di frequentare uno dei tanti corsi formativi che vengono istituiti in questo settore, anche se le tecniche e le metodologie si imparano e si affinano meglio sul campo. Per avviare l’attività di agenzia di investigatori privati, è necessaria una licenza per l’esercizio della professione rilasciata dalla Prefettura competente per la sede dell’attività. Per poter richiedere la licenza occorre essere incensurato ed aver fatto un tirocinio di almeno 2 anni presso una qualsiasi agenzia investigativa. La zona dove si intende aprire l’attività inoltre, non deve essere già satura di agenzie simili ed i locali devono essere idonei allo svolgimento dell’attività stessa.

 

Una volta ottenuta l’autorizzazione del prefetto, occorre iscriversi poi alla Camera di Commercio e in più è previsto il versamento delle tasse di concessione governativa per l’esercizio della professione. Come ufficio, il consiglio è quello di non avere grosse esigenze, almeno all’inizio. Occorre fare in modo infatti che l’affitto del locale non pesi troppo sul budget. Meglio attrezzare l’ufficio con arredi essenziali come una scrivania, qualche mobile a giorno, delle sedie, un paio di poltrone e naturalmente con le apparecchiature moderne come un computer, una stampante ed un fax. All’inizio inoltre, meglio puntare di più su una clientela di privati, senza andare alla ricerca di quella commerciale, che è molto più impegnativa e richiede strutture migliori e più avanzate. Per iniziare l’attività ci si può interessare ed operare nel campo delle infedeltà matrimoniali, di stalking, di persone scomparse, di estorsioni o ricatti e altri casi del genere.


ISCRIVI GRATUITAMENTE LA TUA AZIENDA